Alexander Pato: “La Bibbia aveva tutte le risposte che cercavo”.




Alexander Pato ha attualmente 32 anni e gioca per l’Orlando City nella MLS nordamericana. Nel 2009 era stato scelto come Golden Boy ed era la grande promessa del calcio mondiale.

Alexandre Rodrigues da Silva, noto come Alexandre Pato o Pato, è stato un giocatore della nazionale brasiliana, con cui ha partecipato alla Confederations Cup 2009, vincendo il titolo, e alla Copa America 2011. Ha giocato, tra l’altro, con San Paolo, Corinthians, Milan e Chelsea.

Purtroppo una serie di infortuni muscolari iniziati nel 2010 hanno fermato la sua carriera calcistica. Nonostante la guarigione è tornato a subire un nuovo infortunio, uno dopo l’altro, troncando il suo brillante presente e futuro.

Questi infortuni sono stati aggravati da scelte di vita sbagliate, per cui ha lasciato il calcio di alto livello ed è arrivato nel campionato cinese nel 2017. Poi, nel 2019, l’attaccante brasiliano è sbarcato negli Stati Uniti, dove attualmente risiede.

In un lungo articolo apparso su The Players Tribune, apre il suo cuore e lascia enormi rivelazioni sulla sua carriera sportiva e non.

Racconta come la sua vita privata negli Stati Uniti sia andata di male in peggio: “Ero ancora single e decisi di godermi la mia libertà. Sono andato a Los Angeles. Volevo il miglior hotel, la migliore macchina, le migliori feste. Sono finito in un posto con una ragazza che sniffava cocaina accanto a me. All’improvviso mi sono detto: “Cosa ci faccio qui? Non era quello che volevo. Era un mondo vuoto. Ho chiesto a un amico: “Ho davvero intenzione di passare il resto della mia vita in questa solitudine?

In quel momento la sua vita ha subito una svolta di 180 gradi. Durante uno dei suoi ritorni in Brasile, la Bibbia e la sua attuale moglie Rebeca gli hanno cambiato la vita. “È stata una vera rivelazione. La Bibbia aveva tutte le risposte che cercavo. Ho girato la testa verso il cielo e ho detto: “Signore, non voglio più questa vita”.

“Forse non sono diventato il miglior giocatore del mondo. Ma lasciatemi dire una cosa. Ho un rapporto incredibile con la mia famiglia. Sono in pace con me stesso. Ho una moglie che amo. Per come la vedo io, non si tratta solo di avere un sacco di Palloni d’Oro. Se la vita è un gioco, ho vinto”, ha detto.

Condividilo su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su linkedin
LinkedIn
NUOVI

Articoli

Liberato il missionario cileno rapito ad Haiti

La Polizia investigativa cilena (PDI) ha confermato martedì pomeriggio che Esteban Zambrano Leiva, un missionario cileno di 32 anni rapito all’inizio di giugno ad Haiti, è stato rilasciato. “Dopo il