Due pastori evangelici rimangono detenuti a Cuba

Il Seminario Carey, un’istituzione evangelica con una presenza in diversi paesi e un’ampia implementazione a Cuba, ha denunciato la detenzione di due pastori, membri della sua squadra di tutori, dopo le manifestazioni che hanno avuto luogo a Cuba domenica scorsa.

In un post su Facebook, il Seminario Carey ha spiegato di aver ricevuto un messaggio dal direttore a Cuba, Jatniel Pérez, spiegando che i pastori Yéremi Blanco Ramírez e Yarian Sierra, della sede del seminario a Matanzas, sono stati arrestati domenica.

In una dichiarazione rilasciata martedì, il Seminario Carey ha aggiornato le informazioni sui pastori, che rimangono in detenzione.

“Sono detenute in un’ala del carcere femminile nella città di Matanzas”, ha detto il pastore Pérez. “Oggi le mogli di entrambi i fratelli sono state in grado di portare loro uno spazzolino da denti, dentifricio, sapone, biancheria da letto, biancheria intima e una maglietta. Questo è tutto. Quelle cose per sette giorni che devono essere imprigionati sotto interrogatorio e squilibrio brutale. Senza alcun tipo di igiene”.

Il pastore Jatniel Pérez ha lamentato la situazione, mostrando particolare preoccupazione per Yéremi Blanco, “che soffre di asma bronchiale”. Teme anche che possano essere infettati dal covid.

Denuncia e richiesta di preghiera

“Perché due pastori dovrebbero essere imprigionati come criminali per il semplice fatto che stavano assistendo a una manifestazione pacifica? Ritengo responsabile il governo cubano e il suo presidente Miguel Días Canel”, aggiunge Pérez.

Il pastore Jatniel si lamenta anche che non gli è permesso di lasciare la sua casa, dove è sorvegliato da un’auto di pattuglia. “Non ho potuto andare a stare con la loro famiglia perché non mi lasciano andare via”, dice.

Pérez conclude il suo messaggio chiedendo “a tutte le organizzazioni internazionali di sostenerci nell’esigere urgentemente il rilascio di questi due pastori. Temiamo per la loro vita”. Il Seminario Carey ha anche avviato un appello alla preghiera per il rilascio di entrambi i pastori.

Il Seminario Carey ha una grande presenza a Cuba, con 146 studenti in undici città. La maggior parte di loro sono pastori. Il seminario ha tenuto la sua prima laurea quest’anno, anche se il governo non ha permesso loro di tenere una cerimonia.

Le difficoltà di alimentazione e di connessione internet sono state una costante da domenica, quando hanno avuto luogo diverse manifestazioni di protesta per la situazione critica dell’isola. Il governo ha risposto alle manifestazioni con minacce e arresti indiscriminati, che però hanno prodotto una risposta lassista da parte della comunità internazionale.

Altri leader religiosi arrestati

Secondo Christian Solidarity Worldwide, altri arresti e violenze contro i leader religiosi hanno seguito le manifestazioni iniziate domenica.

Almeno altri due leader religiosi sono stati arrestati l’11 luglio, tra cui padre Castor José Álvarez Devesa, un sacerdote cattolico che è stato picchiato e detenuto nella prigione di Montecarlo, a Camagüey, e il pastore Yusniel Pérez Montejo, membro della Convenzione battista orientale di Cuba, detenuto nella provincia di Santiago. La posizione del reverendo Pérez Montejo è ancora sconosciuta. Padre Castor è stato rilasciato nel pomeriggio del 12 luglio e si sta riprendendo a casa.

Condividilo su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su linkedin
LinkedIn
NUOVI

Articoli