I vescovi statunitensi progettano di scomunicare Joe Biden per il sostegno all’aborto

Il capo dell’ufficio del Vaticano incaricato di sorvegliare la dottrina cattolica ha avvertito i vescovi statunitensi di pensare attentamente e di ridurre al minimo le divisioni prima di procedere con un possibile piano per rimproverare alcuni politici cattolici romani, come il presidente Joe Biden, di ricevere la comunione anche se sostengono l’aborto.

Le forti parole di avvertimento sono arrivate in una lettera del cardinale Luis Ladaria, prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede del Vaticano, all’arcivescovo Jose Gomez di Los Angeles, presidente della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti. L’USCCB si riunirà a livello nazionale il 16 giugno e prevede di votare la stesura di un documento sulla questione della comunione.

Tra dottrina e politica


C’è divisione tra i vescovi, con alcuni che spingono perché Biden e altri personaggi pubblici cattolici siano esclusi dalla comunione a causa della loro posizione sull’aborto, e altri vescovi che avvertono che una tale mossa sarebbe politicamente polarizzante.

Ladaria, nella sua lettera, ha detto che qualsiasi nuova politica “richiede che il dialogo avvenga in due fasi: prima tra i vescovi stessi, e poi tra i vescovi e i politici cattolici pro-aborto nelle loro giurisdizioni”.

Anche allora, consiglia Ladaria, i vescovi dovrebbero cercare un sostegno unanime all’interno dei loro possedimenti per qualsiasi politica nazionale, per evitare che diventi “una fonte di discordia piuttosto che di unità all’interno dell’episcopato e della Chiesa in generale negli Stati Uniti”.

Il cardinale Ladaria ha chiarito, tuttavia, che il dialogo episcopale aiuterà i vescovi “a concordare come Conferenza che il sostegno alla legislazione pro-aborto non è compatibile con l’insegnamento cattolico”.

Tra i leader della campagna per ammonire Biden c’è l’arcivescovo di San Francisco Salvatore Cordileone, che recentemente ha pubblicato una lettera pastorale sostenendo che i politici cattolici che sostengono l’aborto non dovrebbero ricevere la comunione. Pochi giorni dopo, il vescovo Robert McElroy di San Diego ha pubblicato un saggio in cui ha detto che tale iniziativa “avrà conseguenze tremendamente distruttive”.

La lettera di Ladaria è datata 7 maggio. È stato riportato per la prima volta lunedì da Catholic News Service e dalla rivista dei gesuiti America.

Condividilo su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su linkedin
LinkedIn
NUOVI

Articoli