Isis divulga il video dell’uccisione di un cristiano copto

L’Isis ha ucciso un cristiano copto nella regione del Sinai del Nord. Con un filmato di 13 minuti, la crudele esecuzione è stata rivendicata dal gruppo terroristico e mostrata al mondo.

“Quanto a voi, cristiani egiziani, questo è il prezzo che pagate per aver sostenuto l’esercito in Egitto”, dice l’aguzzino dopo aver sparato alla testa del 62enne.

Nabil Habashy Salama era stato rapito nel novembre 2020. Stando a quanto affermato dai terroristi, il filmato della sua morte sarebbe da datare a marzo 2021.

Sono tre gli uomini col viso coperto dietro la vittima. “Ringraziamo il grande Allah – afferma uno – che ha ordinato ai suoi seguaci di uccidere e di soggiogare gli apostati fino a quando non pagheranno in ginocchio la jizya. Questo è un messaggio ai crociati di tutto il mondo: combattete e sarete combattuti, rapite e sarete rapiti”.

Isis uccide cristiano copto di 62 anni

“Vedere l’esecuzione di mio padre mi ha spezzato il cuore – ha dichiarato il figlio di Salema -. Dal filmato si capisce che l’hanno torturato prima di ucciderlo. Non aveva mai fatto nulla di male, amava tutti ed era amato da tutti nel villaggio”. Salema aveva edificato l’unica chiesa del villaggio di Bir al-Abd.

“È vissuto e morto da grande uomo – ha dichiarato la figlia -. Ora è in un posto migliore con Gesù, che nostro padre ha servito e amato per tutta la vita“.

Fonte: Tempi

Condividilo su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su linkedin
LinkedIn
NUOVI

Articoli