La conversione di Michael Packard, il Giona della costa del Massachusetts

La Bibbia registra il passaggio di Giona, che fu ordinato da Dio di andare in una città pagana, Ninive, per predicare e proclamare un messaggio di discernimento. Giona rifiuta di obbedire e fugge dalla presenza di Dio salpando per Tarshish, una città dell’Asia Minore. Ma sulla rotta Dio prepara una tempesta e Giona viene gettato in acqua. Poi, ci dice la Bibbia, Dio mandò un pesce enorme che inghiottì Giona e il profeta passò tre giorni e tre notti nel suo ventre. Giona pregò Dio dal ventre del pesce, ascoltò le sue preghiere di angoscia e gli rispose; ordinando al pesce di cacciarlo gettandolo sulla terra ferma.

Questa storia ben nota ricorda immediatamente ciò che è successo recentemente (11 giugno) al largo della costa del Massachusetts, USA, al 56enne Michael Packard, subacqueo di aragoste.

In uno dei suoi viaggi a 13 metri di profondità, racconta che “mi stavo immergendo con la mia attrezzatura di ossigeno, quando improvvisamente, ho sentito un grande botto e tutto è diventato buio intorno a me; anche se mi muovevo e potevo dire che non ero stato morso da uno squalo perché non sentivo dolore. Poi ho capito che non c’erano denti e ho sentito il forte battito di un cuore. Ho gridato “mio Dio, sono nella bocca di una balena e mi inghiottirà”. Ho pensato a mia moglie e a mio figlio e ho pensato che era la fine. Ho cominciato a pregare Dio nell’angoscia e nella speranza, improvvisamente ho sentito come se stessi salendo come se fossi dentro un ascensore e sono stato lanciato in aria e sono caduto sulla superficie dell’oceano. Tutto questo è successo in meno di un minuto, ma per me è stata un’eternità”, ha detto il pescatore a una stazione televisiva.

È stato immediatamente raccolto dai suoi colleghi che lo hanno accompagnato e portato in ospedale dove gli è stato diagnosticato un trauma minore ma senza fratture o altre possibili lesioni interne.

La realtà è che è stato inghiottito dalla balena per 45 secondi ed è stato riportato in superficie dopo la sua preghiera.

Dopo aver sentito la storia, ci possono essere degli scettici sull’intervento di Dio, ma Michael Packard non è tra questi. La sua vita fu stravolta e lui, la sua famiglia e diversi vicini divennero profondi credenti e studenti della Bibbia.

I suoi colleghi e gli altri abitanti della piccola città in cui vive spesso non lo chiamano più per nome, ma si riferiscono a lui come il ‘Giona del Massachusetts’, poiché la sua esperienza, sebbene terrificante, è senza dubbio un’immagine parallela di ciò che accadde al profeta del Vecchio Testamento.

Le balene, spiegano gli esperti, quando cercano cibo, si tuffano con la bocca spalancata, ingoiando pesce e acqua molto rapidamente, per poi restituire l’acqua attraverso i loro fanoni, che fungono da filtro. La loro bocca è abbastanza grande, ma la loro gola è piuttosto stretta, quindi non c’è possibilità che possano ingoiare qualcosa di grande come un uomo.

Condividilo su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su linkedin
LinkedIn
NUOVI

Articoli