La folla aggredisce 11 cristiani in un villaggio indiano per aver rifiutato di abbandonare la loro fede

Secondo la ricostruzione dei testimoni, il capo villaggio aveva convocato i cristiani in un certo luogo dove si era già radunata la folla che li avrebbe poi attaccati. Poi ha dato al gruppo due opzioni: “lasciare Gesù o lasciare il villaggio”. Quando si rifiutarono di abbandonare la loro fede, i cristiani furono attaccati con pietre. Nonostante le successive denunce, la polizia non ha preso provvedimenti contro gli aggressori.

“Il Consiglio Globale dei Cristiani Indiani (GCIC) condanna fermamente questo attacco anti-cristiano che ha avuto luogo nel 75° giorno dell’indipendenza dell’India”, ha detto il presidente del GCIC Sajan K. George. “Siamo rattristati dal fatto che i cristiani siano presi di mira a causa della loro fede. Siamo cittadini di seconda classe? La Costituzione garantisce la libertà religiosa – come può una minoranza del 2,5% essere una minaccia?”.

“Siamo molestati, intimiditi e sottoposti a minacce e violenza. È una vergogna, una disgrazia e una violazione dei diritti umani dei cristiani”, ha continuato Sajan K. George.

Ha poi condiviso un video in cui si vedono militanti di estrema destra irrompere in una casa cristiana durante un incontro di preghiera. Gli aggressori chiedono ai partecipanti i loro nomi. Essendo nomi indiani, i nazionalisti indù accusano il pastore pentecostale che presiede di attività di conversione.

Il villaggio di Adnadhi ospita 15 famiglie che si sono unite al cristianesimo circa 20 anni fa. Mentre all’epoca c’era una certa opposizione alla loro conversione, il recente attacco è stato completamente inaspettato e ha lasciato le famiglie devastate, hanno spiegato i residenti locali.

“Questi estremisti usano la legge anti-conversione per molestare soprattutto la comunità pentecostale, che si riunisce sempre in chiese domestiche”, ha commentato il presidente del GCIC. In India, i grandi eventi come il Kumbh Mela [pellegrinaggio indù ai fiumi sacri durante il quale vengono eseguite abluzioni rituali] hanno luogo, ma minacciano e arrestano una piccola congregazione di credenti che si riunisce in una casa per la preghiera cristiana.

Condividilo su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su linkedin
LinkedIn
NUOVI

Articoli