La prima serie TV originale su Gesù Cristo decolla durante il lockdown per COVID-19

Durante la quarantena COVID-19 negli Stati Uniti, molte persone hanno scaricato e guardato una serie televisiva di otto episodi chiamata “The Chosen” sulla vita di Gesù Cristo.

“I Prescelti” è il primo programma televisivo multistagione sulla vita di Gesù. Creata al di fuori del sistema hollywoodiano, la serie ci permette di vederlo attraverso gli occhi di chi lo conosceva.

La prima stagione è stata finanziata interamente da donazioni private, che ne fanno il progetto mediatico numero uno di tutti i tempi, con donazioni di oltre dieci milioni di dollari, e distribuito attraverso le produzioni Vid-Angel.

In essa prendono vita i personaggi della Bibbia. Lo scrittore e regista Dallas Jenkins spiega il pensiero che sta dietro al nome della serie.

“Vediamo e usiamo il termine per Cristo come il ‘Prescelto’. Quindi si riferisce a Cristo in molti modi. Gli ebrei sono il popolo eletto di Dio. Anche come evangelico, lo credo. E le persone che Cristo ha scelto di seguirlo e di essere nella sua squadra, come ci piace dire, è un piccolo cenno a questo.

Si potrebbe dire che raccontare storie bibliche è nel sangue di Dallas Jenkins. Suo padre, Jerry, è coautore della popolare serie di libri “Left Behind”.

Ci ha detto che produrre una serie televisiva sulla vita di Cristo è molto diverso da molti dei film che vediamo e che cercano di catturare la sua vita e il suo ministero terreno.

“Quando si fa un film sulla vita di Cristo, si hanno dai 90 ai 120 minuti per cercare di coprire un sacco di terreno”, ha detto Jenkins. “Così spesso si passa di miracolo in miracolo. Da storia biblica a storia biblica. Gesù è tipicamente il protagonista. Così si vedono le cose solo attraverso i suoi occhi e si incontrano persone per un periodo di tempo molto breve.

“Il Prescelto” è diverso. In un programma multistagione, i creatori sono stati in grado di sviluppare i personaggi e di ampliare la narrazione biblica mantenendo lo spirito del testo.

“Siamo davvero in grado di esplorare queste persone in profondità”, ha detto Jenkins.

Jonathan Roumie interpreta il ruolo di Gesù nella serie. È un ruolo che lui chiama “che cambia la vita”.

“E’ umiliante. E’ travolgente. E’ stimolante. E’ una cosa che induce alla fede”, ha detto Roumie. “E’ la costruzione della fede. È indescrivibile”, ha aggiunto.

È anche diverso, ci ha detto Roumie, perché Il Prescelto mostra lati del ministero di Gesù che non sono mai stati ritratti in un film prima d’ora.

Il giorno in cui CBN News ha visitato il set, il team si stava preparando a filmare un episodio delle Nozze di Cana, il primo miracolo che Gesù ha compiuto.

“Stiamo esplorando cosa significa essere a un matrimonio del primo secolo. Come sarebbe stato avere Gesù come ospite a un matrimonio”, ha detto Roumie. “È un’occasione molto gioiosa. E ancora, uno che ricordo a malapena di aver visto filmato prima”.

Roumie ha anche parlato di interpretare Gesù in un modo che esprime l’umanità, qualcosa che la gente tende a dimenticare o fa fatica a immaginare.

“Sentiva le cose che noi sentiamo. Ha vissuto la perdita e la tristezza, la frustrazione e la felicità, la gioia e tutte queste cose. Tentazione, ma senza accettarla”, osservava Roumie.

Era intimidatorio interpretare Gesù?

“Oh, sì”, disse Roumie. “Chi dice il contrario non sa chi è, era o sarà Cristo. Oppure lasciano che il loro ego risponda a questa domanda.

Per prepararsi a interpretare Gesù, Roumie ha detto che prega molto, legge e va in chiesa. Ma soprattutto, ha detto, è la preghiera a cui ricorre per svolgere il ruolo del Figlio di Dio.

Abbiamo chiesto al regista Dallas Jenkins cosa significa prendere le pagine della Scrittura e portarle in vita.

“Anche se sono io a farlo, e sono io il regista, e sono io che scrivo le parole, mi sento ancora come se stessi seguendo e ascoltando”, ha detto Jenkins.

I creatori di “The Chosen” stanno lavorando alla seconda stagione. Per vedere tutti gli otto episodi della prima stagione, clicca QUI per informazioni su come scaricarlo gratuitamente.

Condividilo su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su linkedin
LinkedIn
NUOVI

Articoli