Se ti senti un fallimento, ricorda che Dio ti ha acquistato

In questo mondo siamo circondati dal fallimento , ma ci viene detto di avere coraggio perché Gesù Cristo ha detto: “Ho vinto il mondo”.

Romani 8: 35-39:

Chi ci separerà dall’amore di Cristo? Sarà l’afflizione, o la distretta, o la persecuzione, o la fame, o la nudità, o il pericolo, o la spada? Come sta scritto: «Per amor tuo siamo tutto il giorno messi a morte; siamo stati reputati come pecore da macello». Ma in tutte queste cose noi siamo più che vincitori in virtù di colui che ci ha amati. Infatti io sono persuaso che né morte né vita né angeli né principati né potenze né cose presenti né cose future, né altezze né profondità, né alcun’altra creatura potrà separarci dall’amore di Dio che è in Cristo Gesù, nostro Signore.

Vediamo cristiani che vengono massacrati per la loro fede e nel verso successivo li vediamo vincere, anche quando venivano uccisi. Quello che a noi sembra un fallimento è diverso nel regno di Dio.

Fallimento ai nostri occhi, non per Dio

Stefano era un leader dotato nella chiesa, difese Cristo appassionatamente e finì per essere lapidato, il che sarebbe sembrato un grande fallimento per le persone. Se Stefano avesse attenuato un po’ la sua lingua e non fosse stato ucciso, allora si sarebbe fatto più amici e avrebbe avuto più opportunità di proclamare il Vangelo, fare segni e prodigi e molto altro buon lavoro.

Il piano di Dio

La morte di Stefano sparse la chiesa in Giudea e Samaria e oltre, come il Signore aveva detto loro, ma non avevano fatto. La morte di Stefano ebbe un impatto sul fariseo dal cuore duro che diventò il più grande apostolo di sempre. La morte di Stefano sembrava un fallimento, ma era obbediente fino alla morte a Colui che era morto per lui.

Dio ha ottenuto la massima gloria nella morte di Stefano e ha intrecciato tutto per far sì che tutto andasse a posto. Ciò che sembra un fallimento agli occhi del tuo capo, Dio lo userà per renderlo una cosa di valore e valore.

Umiltà nel fallimento

Quando c’è un fallimento rispondiamo con umiltà (Giacomo 4: 6) e solo allora possiamo trovare quello che stiamo cercando nella nostra vita. Avevamo bisogno di un Salvatore perché non saremmo mai riusciti a salvare noi stessi. Le nostre opere migliori sono stoltezza agli occhi di Dio e solo quando ammettiamo di essere un fallimento possiamo trovare la redenzione attraverso la salvezza di Cristo.

Conquistatori attraverso Cristo

L’orgoglio è il nostro più grande nemico e può schiacciarci perché dipendiamo dalle nostre opere e dai nostri risultati e non dall’opera compiuta della croce. Dobbiamo uccidere il nostro orgoglio ed essere definiti dalla nostra identità in Cristo. Dio ci ha acquistati con il sangue del suo prezioso Figlio e noi apparteniamo a Lui e anche se falliamo, in Cristo non siamo fallimenti ma più che vincitori.

Fonte: Faith Pot

Condividilo su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su linkedin
LinkedIn
NUOVI

Articoli