Talebani, Kim Jong-un e Nigeria: i tre principali persecutori di cristiani nel 2021

Il gruppo di difesa della libertà religiosa International Christian Concern (ICC) ha nominato i talebani, Kim Jong-un e la Nigeria come i tre principali persecutori di cristiani nel 2021.

L’ICC, che è stata una voce importante sulla persecuzione cristiana dal 1995, ha annunciato le valutazioni in un rapporto di 150 pagine sui 24 peggiori oppressori di cristiani. Per determinare i 3 peggiori persecutori, l’ICC ha scelto un paese, un’entità e un individuo.

Genocidio in Nigeria

In primo luogo, la Nigeria è stata nominata il peggior paese per la persecuzione dei cristiani nel 2021. Il presidente dell’ICC Jeff King ha detto al The Christian Post che la nazione africana è stata impegnata in una “guerra di 20 anni contro i cristiani”, che ha descritto come un vero e proprio genocidio.

“C’è una guerra unilaterale contro i cristiani; ci sono due guerriglie o fazioni che combattono contro i cristiani”, ha detto.

Secondo il rapporto, tra 50.000 e 70.000 cristiani sono stati uccisi in Nigeria dal 2000. È anche sede del gruppo terroristico islamico Boko Haram, “che ha sfollato milioni di persone e ucciso decine di migliaia”.

I cristiani nigeriani affrontano anche la persecuzione da parte dei militanti Fulani, che “hanno ucciso più cristiani negli ultimi anni di Boko Haram e sfollato gli agricoltori cristiani”.

King ha notato che più di 3 milioni di cristiani sono stati sfollati dalle loro case, e/o le loro terre e fattorie sono state rubate dagli estremisti. Il presidente dell’ICC ha sostenuto che il governo nigeriano è “complice” degli attacchi ai cristiani.

Talebani e cristiani

I talebani sono stati nominati il peggior gruppo dell’anno in termini di persecuzione contro i cristiani. Secondo King, è il ritorno al potere dei talebani in Afghanistan dopo il ritiro dell’esercito americano dal paese che ha portato la CPI a nominare il gruppo militante persecutore dell’anno.

“Ci sono probabilmente circa 10.000 cristiani… sono tutti convertiti dall’Islam. E quando si opera in una cultura dell’Islam radicale e fondamentalista, questo significa che si ha un bersaglio sulla schiena”, ha spiegato King.

King ha anche notato che dopo che i talebani hanno ripreso l’Afghanistan, hanno cominciato ad andare porta a porta, chiedendo: “Sai dove sono i cristiani?

Nelle ultime due settimane, i talebani hanno presumibilmente ucciso un cristiano dopo aver scoperto un’applicazione della Bibbia sul suo telefono.

King ha avvertito che altri cristiani “saranno torturati e gli sarà data la possibilità di tornare all’Islam”. Se non lo fai, ti tortureranno ulteriormente per scoprire quali altri cristiani conosci e poi ti uccideranno”.

Kim Jong-un, il dio nordcoreano

Infine, l’ICC ha nominato il leader supremo nordcoreano Kim Jong-un come persecutore dell’anno. Il rapporto sostiene che la dinastia Kim, per tre generazioni, ha “creato un sistema religioso basato sulla fede (Dio/Padre/Figlio), in cui Kim Jong-un gioca il ruolo del Figlio da venerare. Qualsiasi minaccia al Figlio e al sistema religioso globale viene schiacciata senza pietà”.

“Le dinastie Kim hanno torturato e ucciso milioni di cristiani per decenni. E penso che siamo a conoscenza del fatto che è molto comune per i Kim o…. il regime [imprigiona] tre generazioni della stessa famiglia quando sono identificati come cristiani seri”, ha detto King.

Egli stima che circa 30.000 cristiani nordcoreani sono stati portati nei campi di prigionia e più di un milione sono stati uccisi.

Secondo Kim Seong Min, un disertore nordcoreano, i nordcoreani sono sottoposti alla propaganda che i cristiani sono nemici dello stato. Ha notato che il regime di Kim informa il pubblico che la classe superiore usa il cristianesimo per opprimere la classe inferiore.

Condividilo su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su linkedin
LinkedIn
NUOVI

Articoli