Trasmettere l’amore di Gesù attraverso la musica pop: intervista ai Noiseheart

Sono giovani, hanno talento e un desiderio profondo di servire Dio attraverso la musica. Oggi vi parliamo dei Noiseheart, band pop cristiana di Napoli nata nel 2015, con cui abbiamo avuto modo di fare quattro chiacchiere.

“Il nostro scopo primario è quello di riuscire a trasmettere il messaggio d’amore di Gesù attraverso la musica pop“, dicono subito nel presentarsi.

“Inizialmente il gruppo nacque per servire la nostra riunione dei giovani, e la prospettiva di un qualcosa che andasse oltre ogni nostro pensiero era ancora lontana. Un giorno uno dei membri del nostro gruppo ebbe, da parte di varie persone, la stessa profezia che si ripeteva sempre con la stessa frase: “Grazie alle canzoni che scriverai i cuori delle persone si arrenderanno a Me”. Da allora altre persone cominciarono ad unirsi al gruppo con la stessa visione”.

“Nacque il primo brano: “Manifestati in me”, che ad oggi non è ancora mai stato pubblicato, ma lo sarà a breve – raccontano i ragazzi -. Arriviamo così al periodo che va da Agosto 2018 a Gennaio 2019, dove ci poniamo l’obiettivo di riuscire a scrivere 7 brani in 7 giorni e di prendere di petto la sfida che Dio ci aveva dato”.

Una bella sfida, che ha prodotto brani come “Sei Fedele” e “Ora Vivo”, i primi due singoli: “Entusiasti del risultato, decidemmo di provare a pubblicare il primo singolo nel Febbraio del 2019: “Sei Fedele”. Il brano ebbe più successo e apprezzamenti di quanti ce ne aspettassimo, così decidemmo di continuare e di non fermarci pubblicando “Ora Vivo” il 20 Settembre dello stesso anno”.

Qualche giorno fa, esattamente l’1 Gennaio, i Noiseheart hanno inoltre pubblicato “Aria”, cover di “Breathe” degli Hillsong, con l’obiettivo di “dare il benvenuto a questo nuovo anno che speriamo porti una ventata di aria fresca”.

Ma chi sono i Noiseheart? Ad oggi il gruppo vede la presenza di Andrea Bruno (chitarrista e fotografo del gruppo), Federica Campolongo (gestore della page e graphic designer), Sara Pragliola (cantante), Sara Mona (cantante), Davide Cavucci (chitarrista e amministratore generale), Greg D’Angelo (cantante), Ignazio Lappone (cantante), Filippo Guerrera (responsabile tecnico). “Alla fine tutte persone ordinarie ma con obiettivi straordinari!”, precisano i ragazzi, definendosi “un gruppo sempre aperto a nuove persone”.

Un valore importante quello della squadra, che emerge dalle loro parole: “Senza anche uno di noi il gruppo non riuscirebbe ad andare avanti e nonostante, come è normale che sia, ogni tanto ci siano delle discussioni, ci vogliamo davvero bene come una famiglia e diamo il meglio di noi in quello che facciamo. Speriamo che si possa comprendere che non bisogna aspettare “un miracolo” per poter intraprendere il sogno che Dio ha messo nei nostri cuori, ma basta consacrarsi e affidarsi a Lui“.

Alla domanda sui progetti in cantiere e sull’influenza della pandemia su di essi, i Noiseheart raccontano: “Per quanto riguarda i progetti ce ne sono vari in cantiere come già detto, tra cui la pubblicazione del quarto inedito che, come abbiamo rivelato nelle nostre stories su Instagram, sarà un brano di adorazione! Inoltre abbiamo anche in programma tanti altri format che partiranno col nuovo anno. Parlando della pandemia, è stata davvero molto ma molto difficile per noi. Non solo per il fatto di non poterci più vedere, ma anche perché, purtroppo, ci ha dato uno stop forzato“.

“Spiritualmente parlando è stata ardua ed è inutile nasconderlo – proseguono -, ma siamo sicuri che Dio ci ha insegnato a sperare, ad avere fede e ci ha fatto ritornare alla mente quello che è il nostro obiettivo principale, i cuori delle persone! Nell’ultimo periodo stiamo davvero vedendo le benedizioni di Dio nella nostra vita e nel nostro grande progetto”.

“Per il futuro ci auguriamo di andare sempre avanti, facendo cose sempre più grandi per Dio, ma sempre restando nella sua volontà e senza mai dimenticare qual è il nostro obiettivo principale”, concludono i Noiseheart.

Nel ringraziarli per l’intervista che ci hanno concesso, vi invitiamo a visitare il loro profilo Instagram, il loro canale Youtube e a supportare questa giovane realtà che siamo certi vi benedirà attraverso l’adorazione. Noi, intanto, vi lasciamo con “Aria”

Condividilo su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su linkedin
LinkedIn
NUOVI

Articoli