Una nuova app usa una tecnologia innovativa per bloccare il porno e il sexting

La pornografia non è solo un problema negli Stati Uniti; è un’epidemia devastante che deruba i bambini della loro innocenza, distrugge la struttura familiare tradizionale e contribuisce direttamente alla crisi del traffico di sesso.

Così dice Sean Clifford, CEO di Canopy, una società tecnologica con sede in Texas che utilizza una tecnologia innovativa per bloccare la pornografia e i contenuti espliciti su Internet.

“La pornografia oggi è molto più grafica, coinvolgente e oscura di quanto non sia mai stata”, ha detto il marito e padre di quattro figli al Christian Post.

“Questo è un problema che riguarda tutti. Dobbiamo iniziare offrendo uno strumento alle persone che vogliono smettere, in modo che possano allontanarsi dalla pornografia e avere lo spazio per guarire il loro cuore e la loro mente. Con questo servizio, speriamo di fornire uno spazio per loro per fare l’altro lavoro che è così necessario.

Canopy, un programma software che gira su smartphone, tablet e computer, utilizza l’intelligenza artificiale che può rilevare la pornografia e la nudità con una precisione del 99,7%. Scansiona anche il traffico internet in tempo reale, permettendo al servizio di bloccare la pornografia che altri filtri mancano.

Canopy inoltre “chiude la porta sul retro”, ha detto Clifford, bloccando i siti indipendentemente dal browser o dalla rete utilizzata. “Facciamo in modo che non si possa aggirare il sistema; abbiamo bloccato tutte le porte”, ha spiegato.

Una differenza chiave tra Canopy e altri servizi, ha aggiunto Clifford, è che il programma si concentra sulla prevenzione, non solo sulla responsabilità. Non solo Canopy blocca completamente i siti web pornografici, ma rileva e censura anche nudità e “abbigliamento minimo” in singole foto e video su app popolari come Instagram, Facebook e persino TikTok.

Canopy scoraggia anche il sexting, un problema che Clifford dice “triplicato” nel primo mese della pandemia di COVID-19 “e da allora è solo decollato”.

Quando un bambino riceve un messaggio di testo con un’immagine sessuale, Canopy può filtrarlo. Se un bambino cerca di inviare una foto di se stesso, il servizio blocca l’immagine e invia un avviso ai genitori.

Clifford ammette che siccome la tecnologia non sta andando via – e la dipendenza dalla pornografia sta solo peggiorando – è compito dei genitori crescere una generazione di utenti sani della tecnologia.

“Crediamo che Canopy sia fondamentale. Cominciamo limitando l’accesso alla pornografia, ma il nostro sogno è di fare in modo che i genitori e le famiglie possano riunirsi e decidere cosa è giusto per loro”, ha sottolineato Clifford. “Vogliamo dare ai genitori la saggezza per aiutarli a navigare in tutto questo, sia che si tratti di far sapere loro cosa c’è là fuori nel mondo, o di equipaggiarli per avere quelle buone conversazioni con i loro figli”.

Condividilo su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su linkedin
LinkedIn
NUOVI

Articoli